Almost Nothing | CERN Experimental City

Locandina Almost Nothing | CERN Experimental City
Titolo originaleAlmost Nothing | CERN Experimental City
NazioneBelgio, Francia, Italia
Anno2018
GenereDocumentario
Durata74'
RegiaAnna de Manincor
 
CastGiulio Aielli, Luis Alvarez Gaume, Olga Beltramello, Sergio Bertolucci, Mar Capeans Garrido, Paola Catapano, Suseshna Datta-Cockerill, Michele De Gennaro, Silvano De Gennaro, Jean-Pierre Delahaye, Alvaro de Rujula, Natasha Egger, John Ellis, Wilfrid Farabolini, Daniel Figueroa, Fabiola Gianotti, Angela Higney, Ieva Kabasinskaite, Andrea Latina, Django Manglunki
ProduzioneBo Film
DistribuzioneI Wonder Pictures
Data di uscita18 novembre 2018
 
In programmazione
ELISEO:16:00 – 18:00 – 20:00 – 22:00
ROMANO:16:00 – 18:00 – 20:00 – 22:00

Trama

Nel palazzo della conoscenza non ci sono molte risposte. Tante sono invece le domande e le ammissioni di ignoranza. Se non fosse così, se non ci fosse un così vasto bisogno di ricercare, scoprire e capire ciò che ancora non conosciamo, non avrebbe senso alcuno l’esistenza del CERN, l’organizzazione europea per la ricerca nucleare, il più grande laboratorio al mondo di fisica delle particelle.

Il CERN è come una città con una sua sinfonia, fatta di corridoi deserti e spazi di condivisione, di una dimensione diurna, brulicante, e di una dimensione notturna, più silenziosa (ma sempre sveglia), di un sindaco – l’italiana Fabiola Giannotti, attualmente direttrice generale -, persino di un trio musicale, e di una cattedrale nella cattedrale, l’immenso acceleratore LHC, scrigno dei misteri del cosmo, ai piedi del quale l’essere umano, che pure l’ha costruito, appare sempre troppo piccolo.

Dopo aver ritratto Bruxelles, Copenaghen, Budapest, Marsiglia e “Mutonia”, nell’ambito del progetto Temporary Cities, la regista guarda dunque ad un’altra comunità urbana in perenne costruzione e ricostruzione (recentemente, il collasso di un collegamento elettrico su ventimila che ne esistono ha causato danni enormi, imposto il fermo di un anno e una globale ricostruzione). Il CERN, però, non è solo una città sperimentale ma anche, soprattutto, una città ideale, in cui il contributo del singolo non è mai sufficiente né risolutivo, ma è l’apporto dei tanti, senza etichette di religione o nazionalità, a motivare i progressi. Il documentario, attraverso le voci di alcuni protagonisti dell’organizzazione, racconta perciò anche la sfida democratica imposta dal progetto stesso, la forte competizione che si annida al suo interno, le tante storie di occasioni mancate, sognate, sfiorate.

Acquista Online

In programmazione

In GuerraLa donna dello scrittoreQuasi nemici - L'importante è avere ragioneTutti lo sannoWidows: Eredità criminale